Quando sarai vecchio un altro ti cingerà e ti condurrà dove tu non vorrai.

El Greco, San Pietro Apostolo

Quand’ebbero fatto colazione, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone di Giovanni, mi ami più di questi?» Egli rispose: «Sì, Signore, tu sai che ti voglio bene». Gesù gli disse: «Pasci i miei agnelli». Gli disse di nuovo, una seconda volta: «Simone di Giovanni, mi ami?» Egli rispose: «Sì, Signore; tu sai che ti voglio bene». Gesù gli disse: «Pasci le mie pecore». Gli disse la terza volta: «Simone di Giovanni, mi vuoi bene?» Pietro fu rattristato che egli avesse detto la terza volta: «Mi vuoi bene?» E gli rispose: «Signore, tu sai ogni cosa; tu sai che ti voglio bene». Gesù gli disse: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità ti dico: quand’eri più giovane, ti cingevi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, stenderai le tue mani e un altro ti cingerà e ti condurrà dove tu non vorrai». Disse questo per indicare con quale morte avrebbe glorificato Dio. E dopo aver parlato così, gli disse: «Seguimi».

Giovanni, 21, 15-25

Sapete ciò che vi ho fatto?

Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?» .

Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci, ma lo capirai dopo» .

Gli disse Simon Pietro: «Non mi laverai mai i piedi!» . Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me» .

Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i piedi, ma anche le mani e il capo!» .

Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto mondo; e voi siete mondi, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete mondi» .

Quando dunque ebbe lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Sapete ciò che vi ho fatto? Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri.

Vi ho dato infatti l’esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi.

(dalla liturgia del Giovedì Santo, Vangelo secondo Giovanni).

Non sapeva quello che diceva (la vita la impari nel concreto).

San Pietro, Chiesa di Santa Giustina, Monselice

Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi stare qui. Facciamo tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia».

Egli non sapeva quel che diceva. (Luca, 9, 28-36)

“La vita la impari nel concreto, non teoricamente*”, e un pezzo di realtà vale più di mille parole.
Allora – amici – le circostanze, le sofferenze, le difficoltà ci mettono davanti alla serietà della vita, che tante volte noi vogliamo censurare.

Julian Carròn, Rimini, aprile 2009

(*) L.Giussani, Si può vivere così? BUR

Non è l’ultima parola sull’uomo.

“I cristiani dicono di norma che siamo tutti peccatori. Non è una frase di maniera, è vero. Ma forse, per capire, è più utile pensare alla differenza tra san Pietro e Giuda. San Pietro ha ammesso che c’era qualcuno che potesse perdonare il suo peccato,

Giuda ha creduto che nessuno potesse perdonarlo e ha preferito uccidersi.

Non esiste idea laica di peccato, sbaglio, errore se non si ammette che quella non è l’ultima parola sull’uomo”

Marianna Rizzini, Il Foglio, 29 ottobre 2009