La brenda III (la merenda III).

Paul Cézanne, Le déjeuner sur l'herbe

LA BRENDA III

E’ sarà stè parchè a magnessom trop,

E’ sarà stè i caplett e e’ zabajon,

Mo e’ fatto stà che tott e’ gioran dop

Avessom una bela indigestion!

Mè a dseva gumitend: “Oh Dio ch’ a sciopp!”

E iquè so l’urineri e zo i bragon

E via ch’andeva par di drì d’ galop

Cun una sciolta ch’ la pareva e’ fion!

I Pulett, caro te, i’ è bona zent

e Pino, nenca lò, l’ è un bon burdell,

Mo i tira a fev la pell, un azident!

Fatto sta ch’ a caghessum al budel

Mo st’ etra dmanga ai turnaren tott quent

Par fe una gran magneda d’parpadell.

Olindo Guerrini, Sonetti romagnoli, Zanichelli

Traduzione

Sarà stato perché abbiamo mangiato troppo,

Saranno stati i cappelletti e lo zabaglione,

Sta di fatto che tutto il giorno dopo

Avemmo una bella indigestione!

Io dicevo vomitando:”Oh Signore, muoio!”

E qui sul pitale e giù le braghe

E via che andavo al galoppo

Con una diarrea che pareva un fiume

I Poletti, caro te, sono gente buona,

E Pino, anche lui, è un bravo ragazzo,

Ma tirano ad ammazzarti, un accidenti!

Fatto sta che abbiamo cagato le budella

Ma la prossima domenica torneremo tutti quanti

Per fare una gran mangiata di tagliatelle.

La brenda II (la merenda, II).

C.Monet, Le déjeuner sur l'herbe

LA BRENDA II

E andessom a Santerna in tanti avtur

Ch’us aveva invidé Pino Pulett

-Bravo! E’ fiol d’Cecco- par magnè i caplett

Ch’ e’ guideva Archimede, imbariegh dur

Al credat? A paremia un branch d’ sgadur

E Tugnazz un magnè zent trentasett,

Una mezza tachena, du gallett

E un pastezz d’ macaron cun e’ brod scur.

E i brindisi? “Un eviva a quel bodino!”

-“Io bevo a la salute nostra d’ no!”-

“Burdelli! abbasso l’acqua e viva il vino!”

E dop a la grustè, dop ai maron,

La sgnora Imelde, ch’ l’è la mama d’ Pino,

L’ as mandé una barila d’ zabaion.

Olindo Guerrini, Sonetti romagnoli, Zanichelli

Traduzione

Siamo andati a Santerno con tante vetture,

ci aveva invitato Pino Poletti

Bravo! Il figlio di Cecco, per mangiare i cappelletti

E guidava Archimede, ubriaco fradicio.

Lo credi? Sembravamo un branco di mietitori,

Tugnazz ne mangiò 137,

Un mezzo tacchino, due galletti

E un pasticcio di maccheroni con il sugo scuro

E i brindisi? Un evviva a quel budino!

Io bevo alla salute nostra di noi!

Ragazzi, abbasso l’acqua e viva il vino!

E dopo la crostata, dopo le castagne,

La signora Imelde, che è la mamma di Pino,

Ci mandò un barile di zabaione.

La brenda (la merenda)

E.Manet, Le déjeuner sur l'herbe

LA BRENDA I

Me, Temistocle, Opimio, Clodoveo,

Egisto, Aristodemo, Geremia,

Epaminonda, Palamede, Feo,

Telemaco, Tancredi e e’ zop Elia,

Orlando, Pirro, Pericle, Pompeo,

Teodorico, Amilcare, Tobia,

Nullo, Menotti, Aristide, Aristeo,

Cariulano, Scipion, Febo, Isaia,

I vens cun al su donn*: l’Ifigenia,

L’Isolina, l’Elettra, la Dircea,

La Zenobia, la Merope, l’Argia,

L’Andromaca, la Saffo, la Medea,

La Mirra, la Penelope, la Pia,

E l’Irma con su medar Galatea.**

* vennero con le loro donne.

** e l’Irma con sua madre Galatea.

Olindo Guerrini, Sonetti romagnoli, Zanichelli

Queli ch’al gn’era (quelle che non c’erano).

Silvestro Lega, La visita

Cleopatra, Penelope, Zaira,
Briseide, Saffo, Merope, Medea,
Flora, Fedora, Ulimpia, Galatea,
Malvina, Albinea, Antigone, Dalmira,

Italia, Berenice, Ada, Palmira,
Calliope, Fulvia, Andromaca, Dircea,
Ifigenia, Mercedes, Aristea,
Cesira, Tullia, Liduina, Elmira,

Edvige, Claudia, Candida, Drusilla,
Doralice, Febea, Carmalitana,
Domitilla, Plautilla, Secondilla,

Ermelinda, Mafalda, Elide, Diana,
Ebe, Teodolinda e Tanaquilla
Agl’era andedi a la funzion d’santa Ana.

Olindo Guerrini, Sonetti romagnoli, Zanichelli

Qui ch’i i’era (quelli che c’erano).

Silvestro Lega, Chiesa Crespina

Me, Ulimpio, Gracco, Palamede, Urfeo,
Egisto, Anchise, Pilade, Rutilio,
Cincinnato, Trasibulo, Duilio,
Dario, Febo, Archimede, Tolomeo,

Radamisio, Callisto, Apelle, Alfeo,
Clodio, Licurgo, Amilcare, Lucilio,
Aristodemo, Pericle, Pomilio,
Ercole, Ascanio, Aristide, Pompeo.

Bruto, Cassio, Quirino, Anacreonte,
Seneca, Agesilao, Timoleone,
Telemaco, Temistocle, Creonte,

Aristotile, Socrate, Platone,
Germanico, Lisandro, Senofonte,
A semmia degghia ben in convarsazione.

Olindo Guerrini, Sonetti romagnoli, Zanichelli

M’innamorai di te perché tacevi.

Silvestro Lega

Nell’aria della sera umida e molle
Era l’acuto odor de’ campi arati
E noi salimmo insieme su questo colle
Mentre il grillo stridea laggiù nei prati.
L’occhio tuo di colomba era levato.
Quasi muta preghiera al ciel stellato;
Ed io che intesi quel che non dicevi
M’innamorai di te perché tacevi.

Olindo Guerrini