In un vuoto di felicità (Le passanti).

In un vuoto di felicità (Le passanti).
Copyright by Stephen Russell

Sadness, Copyright by Stephen Russell

Io dedico questa canzone
ad ogni donna pensata come amore
in un attimo di libertà
a quella conosciuta appena
non c’era tempo e valeva la pena
di perderci un secolo in più.

A quella quasi da immaginare
tanto di fretta l’hai vista passare
dal balcone a un segreto più in là
e ti piace ricordarne il sorriso
che non ti ha fatto e che tu le hai deciso
in un vuoto di felicità.

Alla compagna di viaggio
i suoi occhi il più bel paesaggio
fan sembrare più corto il cammino
e magari sei l’unico a capirla
e la fai scendere senza seguirla
senza averle sfiorato la mano.

A quelle che sono già prese
e che vivendo delle ore deluse
con un uomo ormai troppo cambiato
ti hanno lasciato, inutile pazzia,
vedere il fondo della malinconia
di un avvenire disperato.

Immagini care per qualche istante
sarete presto una folla distante
scavalcate da un ricordo più vicino
per poco che la felicità ritorni
è molto raro che ci si ricordi
degli episodi del cammino.

Ma se la vita smette di aiutarti
è più difficile dimenticarti
di quelle felicità intraviste
dei baci che non si è osato dare
delle occasioni lasciate ad aspettare
degli occhi mai più rivisti.

Allora nei momenti di solitudine
quando il rimpianto diventa abitudine,
una maniera di viversi insieme,
si piangono le labbra assenti
di tutte le belle passanti
che non siamo riusciti a trattenere.

Fabrizio De André

Annunci

Dove sarai adesso? (Metade).

Dove sarai adesso? (Metade).
2012-02-01_23171

Eu perco o chão
Eu não acho as palavras
Eu ando tão triste
Eu ando pela sala
Eu perco a hora
Eu chego no fim
Eu deixo a porta aberta
Eu não moro mais em mim…

Eu perco as chaves de casa
Eu perco o freio
Estou em milhares de cacos
Eu estou ao meio
Onde será
Que você está agora?…

Eu perco o chão
Eu não acho as palavras
Eu ando tão triste
Eu ando pela sala
Eu perco a hora
Eu chego no fim
Eu deixo a porta aberta
Eu não moro mais em mim…

Eu perco as chaves de casa
Eu perco o freio
Estou em milhares de cacos
Eu estou ao meio
Onde será
Que você está agora?..

Adriana Calcanhotto

Per stare con te senza perdere l’angelo della nostalgia (Razon de vivir).

Per stare con te senza perdere l’angelo della nostalgia (Razon de vivir).

 Rosanne_Dubbeld_Street-Photography-black-and-white_12
Razón de vivir
Para decidir si sigo poniendo
esta sangre en tierra,
este corazón que bate su parche,
sol y tinieblas.

Para continuar caminando al sol por
estos desiertos.
Para recalcar que estoy vivo
en medio de tantos muertos.

Para decidir, para continuar,
para recalcar y considerar,
solo me hace falta que estés aquí
con tus ojos claros.

Ay, fogata de amor y guía,
razón de vivir mi vida.

Para aligerar este duro peso
de nuestros días,
esta soledad que llevamos todos,
islas perdidas.

Para descartar esta sensación
de perderlo todo,
para analizar por donde seguir
y elegir el modo.

Para aligerar, para descartar,
para analizar y considerar,
solo me hace falta que estés aquí
con tus ojos claros.

Para combinar lo bello y la luz
sin perder distancia,
para estar con vos sin perder el ángel
de la nostalgia.

Para descubrir que la vida va
sin pedirnos nada,
y considerar que todo es hermoso
y no cuesta nada.

Para combinar, para estar con vos,
para descubrir y considerar,
solo me hace falta que estés aquí
con tus ojos claros.

Víctor Heredia

Il cielo è triste e bello come un grande altare (Armonia della sera).

Il cielo è triste e bello come un grande altare (Armonia della sera).

15072009(002)

Ecco venire il tempo in cui fremente sullo stelo
ogni fiore svapora come un incensiere,
i suoni e i profumi girano  nell’aria della sera,
valzer malinconico e languida vertigine!
Ogni fiore svapora come un incensiere;
il violino freme come un cuore straziato;
valzer malinconico e languida vertigine!
Il cielo è triste e bello come un grande altare.
Il violino freme come un cuore straziato,
un cuore tenero che odia il nulla vasto e nero!
Il cielo  è triste e bello come un grande altare
il sole è annegato nel suo sangue che coagula.
Un cuore tenero che odia il nulla vasto e nero,
raccoglie ogni vestigia del luminoso passato!
Il sole è annegato nel suo sangue che coagula..
Il tuo ricordo brilla in me come un ostensorio!

Charles Baudelaire, Les fleurs du mal

 

Niente mi faceva stare peggio.

Niente mi faceva stare peggio.

Prima-vista-dellOceano-Atlantico-a24408903

Ho notato che i viaggi di ritorno durano meno di quelli di andata, ma quella traversata dell’Atlantico, carica di ricordi e angosce, mi parve molto lunga.

Niente mi faceva stare peggio del pensiero che, parallelamente alla mia vita, Beatrice avrebbe vissuto la sua, minuto per minuto e notte dopo notte.

Jorge Luis Borges, Il libro di sabbia

E viene il cuore e mi dice che solo tra le tue braccia posso essere felice (Só em teus braços).

E viene il cuore e mi dice che solo tra le tue braccia posso essere felice (Só em teus braços).

Schoenfeld_images

Sim,

Promessas fiz,

Fiz projetos, pensei tanta coisa,

E agora o coração me diz

Que, meu bem,

Eu ia ser feliz

Eu tenho esse amor para dar,

O que é que eu vou fazer?

Eu tentei esquecer

E prometi,

Apagar da minha vida este sonho,

E vem o coração e diz

Que só em teus braços, amor,

Eu ia ser feliz

Que só em teus braços, amor.

João Gilberto

 

I luoghi dove la tenerezza si diffonde e sono solo e con me stesso (Dintorni).

I luoghi dove la tenerezza si diffonde e sono solo e con me stesso (Dintorni).

IMG_0883

I patios così certi e antichi

i patios che hanno fondamenta nella terra e nel cielo.

Le finestre con grate

dalle quali la strada ha l’aria familiare di una lampada.

Le alcove profonde

dove il mogano avvampa in quieta fiamma

e lo specchio dai deboli bagliori

è come una tranquillità nell’ombra.

Gli oscuri crocevia trafitti

da quattro lontananze senza fine

in sobborghi di silenzio.

Ho nominato i luoghi

dove la tenerezza si diffonde

e sono solo e con me stesso.

Jorge Luis Borges, Fervore di Buenos Aires, Adelphi