Il peccatore più vile.

Il peccatore più vile.

caravaggio_-_taking_of_christ_-_odessa-e1427453786385

Giovanni di Pannonia affermava che neppure ci sono due anime uguali e che il peccatore più vile è prezioso quanto il sangue sparso per lui da Gesù Cristo.

J.L.Borges, L’Aleph, Adelphi, 1998

Annunci

Ciò che si vede è l’inconcepibile (le stelle sono indispensabili).

Ciò che si vede è l’inconcepibile (le stelle sono indispensabili).

Via_Lattea

Ciò che si vede è l’inconcepibile: il colossale spettacolo della mancanza di antagonismo. Ciò che si vede con i propri occhi è il grande cervello del tempo, una galassia di fuoco non acceso da mano umana.

Le stelle sono indispensabili.

Philip Roth, Ho sposato un comunista, Einaudi

Il bello è solo l’inizio del tremendo.

Il bello è solo l’inizio del tremendo.

klimtmilano12-590x398

Chi mai, s’io grido, m’udrà dalle schiere celesti?
E d’improvviso un angelo contro il suo cuore m’afferri,
io svanirei di quel soffio più forte. Ché il bello
è solo l’inizio del tremendo, che noi sopportiamo
ancora ammirati perché sicuro disdegna
di sgretolarci. Sono gli angeli tutti tremendi.

Rainer Maria Rilke, Elegie duinesi

All’amore che in questo consiste, che due solitudini si custodiscano, delimitino e salutino a vicenda.

All’amore che in questo consiste, che due solitudini si custodiscano, delimitino e salutino a vicenda.

gustav-klimt-painting2

 

E questo più umano amore (che si compirà infinitamente attento e sommesso, e buono e chiaro nel legare e nello sciogliere) somiglierà a quello che noi con lotta faticosa prepariamo, all’amore che in questo consiste, che due solitudini si custodiscano, delimitino e salutino a vicenda.

Rainer Maria Rilke, Lettere a un giovane poeta, Adelphi

Vinto da smarrimento, si lasciò svanire in lui (Leda).

Vinto da smarrimento si lasciò svanire in lui (Leda).

ledamich

Quando il dio nel suo tormento entrò nel cigno

quasi rabbrividì nel trovarlo così bello;

vinto da smarrimento, si lasciò svanire in lui.

Ma già quell’inganno lo spingeva ad agire

 

prima ancora d’aver saggiato i sensi

dell’essere incorrotto. E lei ormai dischiusa

nel cigno riconobbe il dio che le giungeva

e seppe: voleva quel che lei,

 

turbata nello sforzo di resistergli,

più non potè celare. Discese e sinuoso

contro la mano sempre più debole

 

il dio si abbandonò nella sua Amata.

E solo allora gioì delle sue piume

e nel suo grembo divenne vero cigno.

 

Rainer Maria Rilke, Poesie, Passigli

La sua desolata solitudine.

La sua desolata solitudine.

big_PRAutunnoinMissouri

(…) Poi emergevano, ne uscivano fuori, e quella linea era netta come traversare una soglia in un muro. D’improvviso campi di cotone e di mais scheletrito su stendevano su entrambi i lati, spettrali e immoti sotto la pioggia grigia; qua e là una cosa, coi suoi fienili, i suoi steccati, dove la mano dell’uomo si era aggrappata per un istante, stringendosi forte, al muro delle selve dietro di loro, terribili nella loro immobilità e in apparenza impenetrabili, in quella luce grigia e calante, mentre il minuscolo orifizio attraverso cui erano emersi sembrava esser stato inghiottito. Il surrey era in attesa, il cugino McCaslin e il maggiore de Spain e il generale Compson e Walter e Boon smontavano lì accanto. Poi Sam scendeva dal carro e montava su un cavallo, e con gli altri legati dietro invertiva il cammino. Il ragazzo lo guardava per un po’ stagliarsi contro quella parete, tornando a ciò che il ragazzo considerava -e era convinto anche il cugino McCaslin la pensasse così- la sua desolata solitudine.

William Faulkner Go down, Moses Einaudi

Oh sorriso, verso dove?

Oh sorriso, verso dove?

147442625

(…) Perché noi, ove affetto ci prende, dileguiamo; ah, noi

espiriamo noi stessi, e via; di brace in brace

manda il legno di noi sempre più debole odore.

Uno potrebbe dirci: sì, tu mi vieni nel sangue

questa stanza, la primavera, si riempie di te…

Che serve, non ci può trattenere, noi scompariamo

in lui e attorno a lui. E loro, le belle, oh,

chi le trattiene? Senza cessare s’alza quella luce

sul loro volto e va via. Come rugiada

dall’erba di mattina si leva il Nostro da noi,

come il calore da un cibo bollente. Oh sorriso, verso dove?