Sicuramente esiste un uomo migliore (Renoir).

Sicuramente esiste un uomo migliore (Renoir).


Gli aerei stanno al cielo come le navi al mare
Come il sole all’orizzonte la sera
Come è vero che non voglio tornare
A una stanza vuota e tranquilla
Dove aspetto un amore lontano
E mi pettino I pensieri
Col bicchiere nella mano.
Chi di voi l’ha vista partire
Dica pure che stracciona era
Quanto vento aveva nei capelli
Se rideva o se piangeva
La mattina che prese il treno
E seduta accanto al finestrino
Vide passare l’Italia ai suoi piedi
Giocando a carte col suo destino.
Ora I tempi si sa che cambiano
Passano e tornano tristezza e amore
Da qualche parte c’è una stanza più calda
Sicuramente esiste un uomo migliore
Io nel frattempo ho scritto altre canzoni
Di lei parlano raramente
Ma non è vero che io l’abbia perduta
Dimenticata come dice la gente.

Francesco De Gregori

Annunci

E gli occhi un cuore che non basta agli occhi (Santa Lucia).

 E gli occhi un cuore che non basta agli occhi (Santa Lucia).
 G_Vecchi

Santa Lucia, per tutti quelli che hanno occhi
e gli occhi e un cuore che non basta agli occhi
e per la tranquillità di chi va per mare
e per ogni lacrima sul tuo vestito,
per chi non ha capito.

Santa Lucia per chi beve di notte
e di notte muore e di notte legge
e cade sul suo ultimo metro,
per gli amici che vanno e ritornano indietro
e hanno perduto l’anima e le ali.

Per chi vive all’incrocio dei venti
ed è bruciato vivo,
per le persone facili che non hanno dubbi mai,
per la nostra corona di stelle e di spine,
per la nostra paura del buio e della fantasia.

Santa Lucia, il violino dei poveri è una barca sfondata
e un ragazzino al secondo piano che canta,
ride e stona perchè vada lontano,
fa che gli sia dolce anche la pioggia nelle scarpe.

Francesco De Gregori

Quell’allegra tristezza che c’hai (fra due giorni è Natale).

Natale

C’è la luna sui tetti e c’e’ la notte per strada le ragazze ritornano in tram ci scommetto che nevica tra due giorni è Natale ci scommetto dal freddo che fa. E da dietro la porta sento uno che sale ma si ferma due piani più giù E’ un peccato davvero ma io già  lo sapevo che comunque non potevi esser tu
E tu scrivimi scrivimi se ti viene la voglia e raccontami quello che fai Se cammini nel mattino se ti addormenti di sera e se dormi che dormi e che sogni che fai

E tu scrivimi scrivimi per il bene che conti per i conti che non tornano mai se ti scappa un sorriso e ti si ferma sul viso quell’allegra tristezza che c’hai

Qui la gente va veloce ed il tempo corre piano come un treno dentro una galleria tra due giorni è natale e non va bene e non va male
Buonanotte torna presto e così sia
E tu scrivimi scrivimi se ti viene la voglia e raccontami quello che fai
Se cammini nel mattino se ti addormenti di sera e se dormi che dormi e che sogni che fai.

Francesco De Gregori