Nel sussurro di una piccola morte.

Nel sussurro di una piccola morte.

Mettere le finestre a vanedduzza, ovvero, accostate affinché ogni refolo
possa potenziarsi di alito e respiro. Tutto scivola nella lentezza e nello sparagno
delle forze. I battiti si spengono nel sussurro di una piccola morte ma è
l’equivoco torpore della pennica a invadere le carni, non le dolci Urì del Paradiso.
Anche la ricotta va a male e beate allora le serpi che se la godono l’arsura.
E beati i santi che sono fatti di marmo e mai sudano.

Pietrangelo Buttafuoco

Annunci

In questa città di mare che si sono dimenticati di bombardare (Everyday is like sunday).

In questa città di mare che si sono dimenticati di bombardare (Everyday is like sunday).

Trudging slowly over wet sand
Back to the bench
Where your clothes were stolen
This is the coastal town
That they forgot to close down
Armageddon – come Armageddon!
Come Armageddon! Come!
Everyday is like Sunday
Everyday is silent and grey

Hide on the promenade
Etch a postcard:
“How I Dearly Wish I Was Not Here”
In this seaside town
That they forgot to bomb
Come, come, come Nuclear Bomb!
Everyday is like Sunday
Everyday is silent and grey

Trudging back over pebbles and sand
And a strange dust lands on your hands
And on your face
On your face..

Everyday is like Sunday
“Win Yourself A Cheap Tray”
Share some grease-tea with me
Everyday is silent and grey

Morrissey, testo e traduzione

Allupate le donne, uomini smunti (nell’afa arde tutto di sete).

Allupate le donne, uomini smunti (nell’afa arde tutto di sete).

Copyright by Paolo Longo

Bagna il petto di vino, ché volge la stella.

Tempo grave. Nell’afa

arde tutto di sete.

Suona di tra le foglie dolce la cicala …

E il cardo infiora.

Allupate le donne,

uomini smunti: all’alido di Sirio

è un risucchio nel capo e nelle gambe.

Alceo

Ho spalancato le braccia corro volando da te (cose da fine del mondo stanno accadendo per me).

Ho spalancato le braccia corro volando da te (cose da fine del mondo stanno accadendo per me).


Tutta la gente per strada
guarda di qua e di là
vola nell’aria di festa
un aquilone sulla città.
Una canzone per strada
corre di qua e di là
va rimbalzando nel vento
come una bolla che non scoppia mai
che non scoppia mai
che non scoppia mai,
e a naso all’aria seguirai.
Ho spalancato le braccia
corro volando da te
cose da fine del mondo
stanno accadendo per me
stanno accadendo per me
Un motivo certo che c’è
tutto questo ha un suo perché
l’allegria nasce da me
perché mi sto innamorando di te.

Mina

Come fatue punture di spillo.

Come fatue punture di spillo.


Scese al cancello. C’era la luna, stanotte. Nella galleria nera e argento dei cedri, le lucciole vagavano come fatue punture di spillo. I cedri erano neri e indicavano il cielo come una sagoma di carta; il prato in discesa aveva una leggera lucentezza, una patina, come di argento.

W.Faulkner, Santuario, Adelphi