Quella finalità irrinunciabile.

Francisco De Zurbaran

Francisco De Zurbaran


L’attenzione, dunque, si dà in circoli che descrivono una differente ampiezza. Se l’attenzione potesse materializzarsi, si potrebbe vedere come in alcuni casi esplora un ampio orizzonte, come in altri si avvicina fino al confine stesso dell’orizzonte, nel momento in cui sembra ormai non averlo più, e ci si perde. In altri casi circonda un brandello, un punto della realtà come se si trattasse di farsi spazio in una piazzaforte. E, in verità, è proprio così.
Giacchè l’essenza dell’attenzione è captare, assorbire, prendere possesso avvicinandosi a questo immenso, illimitato continente che è la realtà. Dal momento che la realtà è una -non possiamo smettere di crederlo- e multipla, l’attenzione, per essere seguita da vicino, deve farsi multipla. L’attenzione dalle molteplici forme si fa irriconoscibile e può persino passare per la disattenzione più totale.
Ma l’attenzione, circondando la realtà, va a conquistarla per questa strana creatura che è l’essere umano da cui è comandata e da cui nasce. Così ci saranno tante forme essenziali di attenzione quanti sono i piani che che formano la psiche e la persona. Studiare l’attenzione nelle sue diverse forme porta contemporaneamente a studiare la struttura dell’essere umano e la struttura di come, davanti a lui, appare la realtà (..).
La presunta unità di tutte queste diverse forme di attenzione è la stessa cosa, naturalmente, della supposta intimità sostanziale di tutti i piani che compongono la struttura dell’essere umano: la necessità di avere un tema che avvolge la finalità.
Quella finalità irrinunciabile che richiede una volta e un’altra ancora e sempre l’invincibile speranza.

Maria Zambrano, Per l’amore e per la libertà, Marietti 1820

L’attenzione è la coscienza quando si risveglia

Derbyshire (UK), summer 2005

Derbyshire (UK), summer 2005

L’attenzione è, in un certo senso, la coscienza stessa quando si risveglia. Per quanto sia diffusa ha sempre un centro, una calamita che la fissa. E quando l’attenzione è, per così dire, sciolta, quando vaga libera in modo spontaneo e quasi impercettibile per il soggetto, allora va in cerca di qualcosa. L’attenzione è avida, famelica si direbbe, come l’essere umano. Quando l’attenzione si risveglia allo stesso modo in cui si risveglia l’uomo, va verso qualcosa; non si risveglia solamente, si risveglia a, verso l’incontro con la realtà e dentro di essa, verso qualche punto o qualche aspetto di essa. Quel che è certo è che l’attenzione si fissa soltanto, riposa dalla sua avida ricerca soltanto quando trova un tema, un motivo.
Gli educatori non devono mai dimenticarlo.

Maria Zambrano, Per l’amore e per la libertà, Marietti 1820

L’attenzione è una ferita

Leaving Storslett, Norway 2009

Leaving Storslett, Norway 2009

L’attenzione è l’apertura dell’essere umano a ciò che lo circonda e, nondimeno, a ciò che trova dentro di sè, verso se stesso. E’ una disposizione e una chiamata alla realtà.
L’attenzione è come una ferita sempre aperta e della ferita possiede la passività, l’essere piaga, impronta del reale, lo stare come una cavità vivente conformata per ricevere la realtà e lasciarla passare oltre se stessa: verso la pienezza della coscienza, che è giudizio e ragione, o verso le profondità della memoria, comprese quelle estreme, abissali conche dell’oblio.

Maria Zambrano Per l’amore e per la libertà, Marietti 1820