I soldi, come le donne, sono occasioni per ciascuno di crescere o di andare alla malora.

I soldi, come le donne, sono occasioni per ciascuno di crescere o di andare alla malora.

Rembrandt , Filemone e Bauci visitati da Giove e Mercurio

I soldi mettono alla prova il carattere di ciascuno, la sua forza morale; a volte le prove sono ardue e i soggetti impreparati, non vale neppure la pena, c’è di meglio, come Filemone e Bauci intesero: a Zeus che gli offriva tutto chiesero di poter morire insieme. Non sono i soldi di per sè a essere buoni o cattivi, sporchi o puliti, santi o dannati, se no saremmo animisti. Siamo noi a esserlo, forti o deboli. I soldi, come le donne, sono occasioni per ciascuno di crescere o di andare alla malora.

Umberto Silva, Il Foglio 12 novembre 2011

Cosa è la vita?

Normalmente nella vita, per tutta la gente, è serio il problema dei
soldi, è serio il problema dei figli, è serio il problema dell’uomo e della
donna, è serio il problema della salute, è serio il problema politico: per
il mondo, tutto è serio eccetto che la vita. Non dico la vita – la vita come
salute è una cosa seria, facilmente –, ma “la vita”.
Ma cosa è “la vita” più che la salute, i soldi, il rapporto tra l’uomo e la donna, i figli, il lavoro? Cos’è la vita più di questo? Che cosa implica? La vita implica tutto questo, ma con uno scopo di tutto, con un significato.

Don Luigi Giussani, Si può vivere così? Rizzoli, Milano 2007