Lei ti farà entrare nella sua casa, se verrai a bussare a tarda notte (Secret garden).

Lei ti farà entrare nella sua casa, se verrai a bussare a tarda notte (Secret garden).

Lovers_in_the_night_images

She’ll let you in her house

If you come knockin’ late at night

She’ll let you in her mouth if the

Words you say are right

If you pay the price

She’ll let you deep inside

But there’s a secret garden she hides

She’ll let you in her car

To go drivin’ round

She’ll let you into the parts of herself

That’ll bring you down

She’ll let you in her heart

If you got a hammer and a vise

But into her secret garden, don’t think twice

You’ve gone a million miles

How far’d you get to that place where

You can’t remember and you can’t forget

She’ll lead you down a path

There’ll be tenderness in the air

She’ll let you come just far enough

So you know she’s really there

She’ll look at you and smile

And her eyes will say

She’s got a secret garden

Where everything you want

Where everything you need

Will always stay a million miles away.

Bruce Sprigsteen

Il Giardino Segreto

Lei ti farà entrare nella sua casa

Se verrai a bussare a tarda notte

Ti farà entrare nella sua bocca (Ti bacerà)

Se le parole che dirai saranno giuste (Se dirai le cose giuste)

Se paghi il prezzo

Ti farà entrare sempre più dentro

Ma c’è un giardino segreto che nasconde

Ti farà salire nella sua macchina

Per fare un giretto nei dintorni

Ti farà toccare le parti del suo corpo

Che ti stenderà

Ti aprirà il suo cuore

Se hai un martello e un vizio

Ma nel suo giardino segreto, non pensare due volte

Hai percorso milioni di miglia

Quanto lontano vorresti essere

Da questo posto dove non puoi ricordare

E non puoi dimenticare

Ti condurrà per un sentiero

Ci sarà tenerezza nell’aria

Ti farà venire lontano abbastanza

Così capirai che è veramente lì

Ti guarderà e sorriderà

E i suoi occhi diranno

Che ha un giardino segreto

Dove tutto ciò che vuoi

Dove tutto ciò di cui hai bisogno

Ci sarà sempre

Milioni di miglia lontano.

Traduzione a cura di http://www.dartagnan.ch

Il desiderio è fame, è il fuoco che io respiro (Because the night belongs to lovers).

Il desiderio è fame, è il fuoco che io respiro (Because the night belongs to lovers).

 night-escape-by-Elmo1314-650x650

Take me now, baby, here as I am

Hold me close, try and understand

Desire is hunger is the fire I breathe

Love is a banquet on which we feed

 

Come on now, try and understand

the way I feel when I’m in your hands

take my hand come undercover

They can’t hurt you now

They can’t hurt you now

They can’t hurt you now

 

Because the night belongs to lovers

because the night belongs to lust

Because the night belongs to lovers

Because the night belongs to us

 

Have a doubt, baby, when I am alone

Love is a ring on the telephone

Love is an angel, disguised as lust

Here in our bed ‘til the morning comes

 

Come on now, try and understand

The way I feel under your command

Take my hand, come under cover

They can’t hurt you now

They can’t hurt you now

They can’t hurt you now

 

Because the night belongs to lovers

because the night belongs to lust

Because the night belongs to lovers

Because the night belongs to us

 

With love we sleep, with doubt the vicious circle turns, and burns

Without you, oh, I cannot live, forgive the yearning burning

I believe in love too real to feel, take me now, take me now, take me now

 

Bruce Springsteen

 

 

 

Perchè La Notte

 

Prendimi ora, baby, qui come sono

Tienimi stretta, prova a capire

il desiderio è fame, è il fuoco che io respiro

L’amore è un banchetto dove ci nutriamo

 

Vieni ora, prova a capire

Come mi sento quando sono nelle tue mani

Prendi la mia mano, ti proteggerò

Adesso non possono farti nulla

Adesso non possono farti nulla

Adesso non possono farti nulla

 

Perchè la notte appartiene agli amanti

Perchè la notte appartiene alla passione

Perchè la notte appartiene agli amanti

Perchè la notte ci appartiene

 

Quando sono sola, baby, ho un dubbio

L’amore è lo squillo del telefono

L’amore è un angelo mascherato da desiderio

Qui nel nostro letto finchè arriva il mattino

 

Vieni ora, prova a capire

Come mi sento sotto il tuo controllo

Prendi la mia mano quando tramonta il sole

Adesso non possono farti nulla

Adesso non possono farti nulla

Adesso non possono farti nulla

 

Perchè la notte appartiene agli amanti

Perchè la notte appartiene alla passione

Perchè la notte appartiene agli amanti

Perchè la notte ci appartiene

 

Dormiamo con l’amore, col dubbio il il circolo vizioso gira e brucia

Senza te, oh, non posso vivere, perdona il mio desiderio che brucia

Credo nell’amore troppo puro per riuscire a sentirlo, prendimi adesso, adesso, adesso.

Senza te, oh, non posso vivere, perdona il mio desiderio che brucia

Credo nell’amore troppo puro per riuscire a sentirlo, prendimi adesso, adesso, adesso.

Traduzione a cura di http://www.dartagnan.ch

Tu sei la prima che fa un viaggio dentro me (e poi non molla mai).

Tu sei la prima che fa un viaggio dentro me (e poi non molla mai).

Eugenio_Recuenco_foto-10-final

Se io non avessi te
forse mi arrenderei
tu sei la prima che
fa un viaggio dentro me
e poi non molla mai
se io non avessi te
che alternative avrei.

Guardi nei miei occhi e rimani con me (Sei qui davanti agli occhi miei).

Guardi nei miei occhi e rimani con me  (Sei qui davanti agli occhi miei).

un-primo-piano-di-olivia-magnani-protagonista-del-film-quell-estate-felice-105837

Sei qui davanti agli occhi miei
Qui davanti agli occhi miei

Come in una favola ti vedo lassù
Salti fra le nuvole ritorni quaggiù
Poi mi corri incontro, mi prendi per la mano
Guardi nei miei occhi e mi porti con te.
Ti sognavo la notte vicino a me
Mi svegliavo al mattino e non c’eri più, però.

Ieri sognavo te, oggi sei qui con me
Ieri volevo te, oggi ti vedo qui
Sei qui davanti agli occhi miei
Qui davanti agli occhi miei

Poi mi corri incontro, mi prendi per la mano
Guardi nei miei occhi e rimani con me.
Ti sognavo la notte vicino a me
Mi svegliavo al mattino e non c’eri più, però.

Ieri sognavo te
oggi sei qui con me,
ieri volevo te
oggi ti vedo qui.
Sei qui davanti agli occhi miei
qui davanti agli occhi miei.

Piangeva sulla vita ridendoci su.

canal4

Ma quando si trattava di descriverla a loro, che non avevano mai ascoltato la melodia di quella chitarra, incisiva, fuggevole e di raffinata delicatezza, la memoria perdeva colpi. Non c’era modo di descriverla; bisognava sentirla, la battuta costante, sicura, piena di ritmo, con i piccoli ritornelli a due o tre accordi in coda al motivo principale, contenente ciascuno l’intera essenza e il disegno dell’allegra tragedia di questo mondo ( e di quell’altro mondo).

E al di sopra di tutto ciò la singola corda pizzicata della melodia che seguiva puntuale la battuta, ricamandoci attorno insiema agli arpeggi secchi e veloci, sempre in moto, senza un’esitazione, senza mai perdersi e senza mai dover fare pause per riattaccare, spostandosi di colpo dalle note poco accentate della malinconica battuta jazz al brusco ritmo gitano imprevedibile ed esplosivo che piangeva sulla vita ridendoci su, troppo rapido perché l’orecchio potesse seguirlo, troppo originale perché la mente potesse prevederlo, troppo intricato perché la memoria potesse ricordarlo.

James Jones, Di qui all’eternità.

 

Même quand mes forces m’abandonnent, même là, je te veux, je te veux, je te veux, tellement fort.

Même quand mes forces m’abandonnent, même là, je te veux, je te veux, je te veux, tellement fort.

Theonepointeight_img_7024

(…)

Il faudra que je lui explique
Pourquoi
Si j’apprécie tout ce qu’elle me donne
Si elle me connaît mieux que personne
Même quand mes forces m’abandonnent
Même là,
Je te veux…
Je te veux…
Je te veux…
Tellement fort

Il faut des mots de passe (Répondez-moi).

Il faut des mots de passe (Répondez-moi ).

parking-lot-lights-theonepointeight

Je vis dans une maison sans balcon, sans toiture
Où y’a même pas d’abeilles sur les pots de confiture
Y’a même pas d’oiseaux, même pas la nature
C’est même pas une maison

J’ai laissé en passant quelques mots sur le mur
Du couloir qui descend au parking des voitures
Quelques mots pour les grands
Même pas des injures
Si quelqu’un les entend

Répondez-moi
Répondez-moi

Mon coeur a peur d’être emmuré entre vos tours de glace
Condamné au bruit des camions qui passent
Lui qui rêvait de champs d’étoiles, de colliers de jonquilles
Pour accrocher aux épaules des filles

Mais le matin vous entraîne en courant vers vos habitudes
Et le soir, votre forêt d’antennes est branchée sur la solitude
Et que brille la lune pleine
Que souffle le vent du sud
Vous, vous n’entendez pas

Et moi, je vois passer vos chiens superbes aux yeux de glace
Portés sur des coussins que les maîtres embrassent
Pour s’effleurer la main, il faut des mots de passe
Pour s’effleurer la main

Répondez-moi
Répondez-moi

Mon coeur a peur de s’enliser dans aussi peu d’espace
Condamné au bruit des camions qui passent
Lui qui rêvait de champs d’étoiles et de pluie de jonquilles
Pour s’abriter aux épaules des filles

Mais la dernière des fées cherche sa baguette magique
Mon ami, le ruisseau dort dans une bouteille en plastique
Les saisons se sont arrêtées aux pieds des arbres synthétiques
Il n’y a plus que moi

Et moi, je vis dans ma maison sans balcon, sans toiture
Où y’a même pas d’abeilles sur les pots de confiture
Y’a même pas d’oiseaux, même pas dans la nature
C’est même pas une maison.

Francis Cabrel