Perché, che cosa comporta il credere?

Perché, che cosa comporta il credere?

@P.B.

Perché, che cosa comporta il credere? Si può dire: in questo momento dobbiamo fare qualcosa. E tuttavia, di questo passo, sostituendo la fede con il moralismo, il credere con il fare, si cade in particolarismi, si perdono soprattutto i criteri e gli orientamenti, e alla fine non si costruisce, ma si divide.

J.Ratzinger, Omelia in morte di don Giussani, Duomo di Milano, 24.2.2005.

 

Il mondo puritano non ha fatto altro che sostituire il sapone al confessionale.

Il mondo puritano non ha fatto altro che sostituire il sapone al confessionale.

Perché tutto questo isterismo da raduno religioso a proposito dell’igiene personale?”. La risposta, fulminante, cadeva due pagine dopo: “Il mondo puritano non ha fatto altro che sostituire il sapone al confessionale”.

Guido Vitiello, Il Foglio

 

Vaccate sacre.

Vaccate sacre.

Quando mi chiedono con quali criteri ho scelto gli artisti da segnalare a Sgarbi per la Biennale rispondo: il piacere. Gli interlocutori fanno sempre delle facce contrariate: il piacere non sta bene, se un’opera d’arte non fa soffrire non è contemporanea, pare. Sono bigotti hegeliani convinti non solo che lo Spirito del Tempo esiste, e fin qui, ma che davanti a esso bisogna obbligatoriamente
prostrarsi. Inutile discutere: lo Zeitgeist è un dogma. Potrebbe almeno essere uno Spirito benigno? No, nemmeno la sua natura sadica e sgradevole può essere oggetto di contestazione. Scrive Jean Clair in un prezioso volumetto intitolato “Breve storia dell’arte moderna” (Skira) che l’estetica del disgusto ha preso il posto dell’estetica del gusto: “Nella misura in cui i pubblici poteri sembrano incoraggiare queste manifestazioni che d’acchito risultano scioccanti, e trovarle quasi necessarie, sarei tentato di credermi in presenza dell’espressione di una nuova sacralità, ma una sacralità al contrario, negativa”. Mi viene in mente l’atteggiamento reverenziale di Letizia Moratti verso i bambini impiccati e i medi alzati, le vaccate sacre di Maurizio Cattelan. La recente confessione di François Pinault, padrone di Gucci e di Palazzo Grassi, toglie spazio ai dubbi residui: “L’arte è diventata la mia religione. Altri vanno in chiesa a pregare”. Certo, lui preferisce inginocchiarsi davanti ai feticci in decomposizione di Damien Hirst.

Camillo Langone

Valore è ciò che spalanca.

Valore è ciò che spalanca.


Altrimenti una cosa vale la pena per cinque minuti. Allora o uno non ci pensa, oppure si dispera. Invece di cinque minuti, mettiamo cinque anni. Ma è come se uno si risvegliasse, scusate, in una cassa! Perché l’uomo, se si sente dentro dei limiti, tutto dentro dei limiti, soffoca. Mentre una azione, anche la più piccola, se è compiuta come coscienza e come amore del tutto, come obbedienza nell’istante al grande disegno del tutto, «soddisfa», satis facit. Compie.
Cesare Pavese, il più «fortunato» poeta italiano del dopoguerra – fortunato nel senso che ricevette il Premio Strega, il più ambito premio letterario italiano – scrisse sul suo diario subito dopo la premiazione: «Tornato da Roma, da un pezzo [eran poche ore]. A Roma, apoteosi. E con questo?».
Valore è ciò che ci spalanca. Anche l’azione della casalinga che asciuga il piatto, allora, diventa come un angolo aperto all’infinito; se c’è questa coscienza, uno sente la vita. Del resto Gesù l’aveva detto: «Ha un valore eterno anche una parola detta per scherzo». O, divinamente: «Anche i capelli del vostro capo sono numerati». E c’era un regista svizzero famoso che non voleva credere che potesse esserci una frase così bella nel Vangelo: «Ma è impossibile! Non c’è un uomo che possa…». È nel Vangelo, gli ho detto. Per poter vivere il valore, il «ciò-per cui-val-la-pena», bisogna quindi avere una percezione acuta e viva del tutto. Ma il senso del tutto è mistero. Noi lo chiamiamo Dio, ma l’essenza della parola Dio è assoluto mistero. Tant’è vero che tutta la teologia lo definisce in termini negativi: infinito, im-menso, in-effabile: perché non si può dire!

Luigi Giussani, L’io, il potere, le opere.

Sono valori, se sono dentro un disegno più grande.

Sono valori, se sono dentro un disegno più grande.


Ora potremmo chiederci: chi ha più interesse a operare questa riduzione, a legittimare questa «interpretazione» del tutto, e perciò a stabilire quali siano i «valori» da sostenere? È il potere.
Perché il potere, attraverso il richiamo ai «valori» che stabilisce, pretende dalla gente ubbidienza secondo il proprio disegno. E al disegno del tutto supplisce il proprio disegno. Li abbiamo conosciuti storicamente questi passaggi: il «valore» è la patria. Il «valore» è la razza. Il «valore» è il proletariato. Il «valore» è la serietà professionale e tecnica. Il «valore» è la pace.
Certo che sono valori, se sono dentro un disegno più grande. Altrimenti sono spunti e pretesto per un nuovo dominio e un nuovo dispotismo. Io vorrei che pensassimo quanto questa dinamica sia vera e si attui in tutti i campi. Dal rapporto con chi io debbo dirigere, ai rapporti in famiglia, nello Stato, nella Chiesa. In tal modo la società è determinata e dominata dal moralismo. Chi aderisce ai valori conclamati dalla mentalità comune, quello è un galantuomo. In altri campi ne combina di tutti i colori, ma questo non c’entra, nessuno se ne scandalizzerà.

Luigi Giussani, L’io, il potere, le opere.

L’assetto della mia persona di fronte al sole, alla moglie, alle montagne, allo sguardo di Cristo.

Non è la coerenza con certe regole, ché questo è il moralismo: la moralità è l’assetto di fronte all’Essere.

E per avere questa simpatia di fronte all’Essere on occorre nessuna particolarità o speciale energia della volontà, qualche cosa per cui uno può essere santo perché ha questa energia mentre io che sono un poveretto non ce l’ho. La moralità non è questo, non è la capacità che io ho di essere coerente con certe regole, è piuttosto l’assetto della mia persona di fronte al sole, alla moglie, alle montagne, allo sguardo di Cristo.

Qualcuno di noi può alzare la mano e dire che a lui manca qualcosa per cedere a questo sguardo? Qualsiasi sia la situazione di difficoltà in cui è adesso, ha bisogno di qualche energia particolare? Semplicemente di cedere.

Julian Carròn

Lo sforzo per soffocare il desiderio.

Bo Bartlett

Satana è la scimmia di Dio, diceva san Gerolamo ed è per questo che il mondo deve farsi più moralizzatore della Chiesa. Anche quando il mondo ti dichiara “Tu devi godere” è ancora a un “Tu devi” perché il suo scopo essenziale dietro questo ordine di godere immediatamente, ciecamente e -diciamocelo- tristemente, l’intenzione che si nasconde dietro questo ordine di godere e di far godere, che è anzitutto un ordine di dominazione e di performance, e non un ordine di incontro e di comunione, l’ordine di tristezza profonda che  si dissimula dietro questo ordine superficiale, come per un maiale all’ingrasso, è lo sforzo per soffocare il desiderio.

Perdite di tempo 2.

“(..) sì, nemmeno buttarsi sotto il prossimo camion gigantesco che ostruisce la visuale; sì, nemmeno buttarsi ma lasciarsi trascinare da questa forza che mi attira sotto le ruote, che mi chiama, (..) questa forza che dice di smettere l’assurda lotta per diventare bravo cittadino bravo contribuente bravo coniuge bravo genitore bravo lavoratore bravo essere umano.”

Camilla Baresani, Un’estate fa, Bompiani

N.d.A.: ho comprato il libro fidando nel giudizio di Camillo Langone, espresso sul Foglio qualche mese fa. Niente di più sbagliato, secondo me Langone il libro non l’ha neppure letto. Non avrei dovuto comprarlo, avrei dovuto fare il carotaggio à la Mc Luhan, ma non l’ho fatto. Non avrei dovuto finire il libro, che arrivati a metà comincia a stancare ed a segnalare che i disagi delle pagine precedenti non sono immaginari. Avrei dovuto gettarlo via, nella sezione carta e cartone della raccolta differenziata: l’ho fatto oggi.

Dio si è commosso per il nostro niente. Ha avuto pietà per me.

Ci sarebbe da discutere a lungo, sulle vicende che hanno portato Benedetto XVI a scrivere la sua Lettera ai cattolici d’Irlanda. E si potrebbe farlo partendo dai fatti, da numeri e dati che – letti bene – dicono di una realtà molto meno imponente di quanto possa sembrare dalla campagna feroce dei media. Oppure dalle contraddizioni di chi, sugli stessi giornali, accusa – a ragione – certe nefandezze, ma poche pagine più in là giustifica tutto e tutti, specie in materia di sesso. Si potrebbe, e forse aiuterebbe a capire meglio il contesto di una Chiesa davvero sotto attacco, ben al di là dei suoi errori. Solo che il gesto umile e coraggioso del Papa ha spostato tutto più in là. Verso il cuore della questione. Chiaro, la ferita c’è. Ed è gravissima. Di quella specie che ha fatto dire parole di fuoco a Cristo («Chi scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina e fosse gettato negli abissi…») e ai suoi vicari. C’è la sporcizia, nella Chiesa. Lo disse chiaro e forte lo stesso Joseph Ratzinger nella Via Crucis di cinque anni fa, poco prima di diventare Papa, e non ha smesso mai di ricordarlo dopo, con realismo. C’è il peccato, anche grave. C’è il male e l’abisso di dolore che il male si porta dietro. E c’è l’esigenza di fare tutto il possibile – pure con durezza – per arginare quel male e riparare a quel dolore. Il Papa lo sta già facendo, e la sua Lettera lo ribadisce con forza, quando chiede ai colpevoli di risponderne «davanti a Dio onnipotente, come pure davanti a tribunali».
Ma proprio per questi motivi il vero cuore della questione, il focus dimenticato, sta altrove.
Accanto a tutti i limiti e dentro l’umanità ferita della Chiesa c’è o no qualcosa di più grande del peccato? Di radicalmente più grande del peccato? C’è qualcosa che può spaccare la misura inesorabile del nostro male? Qualcosa che, come scrive il Pontefice, «ha il potere di perdonare persino il più grave dei peccati e di trarre il bene anche dal più terribile dei mali»?
«Ecco dunque il punto: Dio si è commosso per il nostro niente», ricordava don Giussani in una frase usata da Cl per il Volantone di Pasqua: «Non solo: Dio si è commosso per il nostro tradimento, per la nostra povertà rozza, dimentica e traditrice, per la nostra meschinità. È una compassione, una pietà, una passione. Ha avuto pietà per me».

Dall’editoriale di Tracce di Aprile, anticipazione.

Tracce_Editoriale_aprile

I poveri li avete sempre con voi.

Giotto, Gesù entra in Gerusalemme

Mancavano due giorni alla Pasqua e agli Àzzimi, e i capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano il modo di catturare Gesù con un inganno per farlo morire. Dicevano infatti: «Non durante la festa, perché non vi sia una rivolta del popolo».

Gesù si trovava a Betània, nella casa di Simone il lebbroso. Mentre era a tavola, giunse una donna che aveva un vaso di alabastro, pieno di profumo di puro nardo, di grande valore. Ella ruppe il vaso di alabastro e versò il profumo sul suo capo. Ci furono alcuni, fra loro, che si indignarono: «Perché questo spreco di profumo? Si poteva venderlo per più di trecento denari e darli ai poveri!». Ed erano infuriati contro di lei.

Allora Gesù disse: «Lasciatela stare; perché la infastidite? Ha compiuto un’azione buona verso di me. I poveri infatti li avete sempre con voi e potete far loro del bene quando volete, ma non sempre avete me. Ella ha fatto ciò che era in suo potere, ha unto in anticipo il mio corpo per la sepoltura. In verità io vi dico: dovunque sarà proclamato il Vangelo, per il mondo intero, in ricordo di lei si dirà anche quello che ha fatto».