Un imprevisto è la sola speranza.

Un imprevisto è la sola speranza.

aeroporto5big

Prima del viaggio si scrutano gli orari,
le coincidenze, le soste, le pernottazioni
e le prenotazioni (di camere con bagno
o doccia, a un letto o due o addirittura un flat);
si consultano le guide Hachette e quelle dei musei,
si cambiano valute, si dividono
franchi da escudos, rubli da copechi;
prima del viaggio s’informa
qualche amico o parente, si controllano
valige e passaporti, si completa
il corredo, si acquista un supplemento
di lamette da barba, eventualmente
si dà un’occhiata al testamento, pura
scaramanzia perché i disastri aerei
in percentuale sono nulla;
prima
del viaggio si è tranquilli ma si sospetta che
il saggio non si muova e che il piacere
di ritornare costi uno sproposito.
E poi si parte e tutto è O.K. e tutto
è per il meglio e inutile.
……………………………………
E ora, che ne sarà
del mio viaggio?
Troppo accuratamente l’ho studiato
senza saperne nulla. Un imprevisto
è la sola speranza. Ma mi dicono
che è una stoltezza dirselo.

 

Eugenio Montale

Annunci

3 pensieri su “Un imprevisto è la sola speranza.

  1. Vorrei fermarmi nel “non luogo” di una stazione, dove tutto è in divenire e vi è un tempo addomesticato e servile…scandito dalle tensioni di che parte e chi torna…
    Le partenze, queste , sono quasi sempre finte partenze, perché portano già in sé il seme del ritorno;
    l’emozione del ritrovarsi nell’abbraccio, del ricongiungersi…
    E il tornare è come un sospiro di liberazione .
    Vorrei assistere a questo formicolante spettacolo di umanità come fuori dal quadro, per scoprire
    se poi essa tanto mi somiglia da potermici confondere.
    Ma il viaggio, prima o poi SI DEVE fare….
    In fondo tutte le nostre esistenze non sono che arrivi e partenze e sempre senza neppure la speranza di imprevisti volti a cambiarne i programmi.

    • Il poeta parnassiano Edmond D’Harancourt nella sua Chanson d’adieu ,musicata da F.P Tosti la pensa un po’ diversamente:

      Partir c’est mourir un peu.
      C’est mourir a ce qu’on aime;
      on laisse un peu de soi-meme
      En toute heure et dans tout lieu……

      Maurice Chevalier sdrammatizzo un po’ commentando così :Morire è partire un po’ troppo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...