La rosa è senza perché.

La rosa è senza perché.

FransenRoses_myrna

Il vero fondamento non ha perché. L’uomo – scrive Martin Heidegger – “vive guardando agli effetti che produce nel proprio mondo, a ciò che il mondo ritiene da lui e pretende da lui”. Ebbe tra le mani “Il pellegrino cherubico”, un poema di Angelo Silesio, mistico tedesco del Seicento e annotò questo verso: “La rosa è senza perché; fiorisce perché fiorisce, di se stessa non si cura, non chiede di essere vista”. Il poiché non ha un perché e sono i ciuri tutti i poiché. E già è passato il mese di maggio.

Pietrangelo Buttafuoco