Il miracolo più grande era uno sguardo rivelatore dell’umano cui non ci si poteva sottrarre.

Il miracolo più grande era uno sguardo rivelatore dell’umano cui non ci si poteva sottrarre.

Natale_2012_11 Grunewald - Altare di Isenheim


Il miracolo più grande, da cui i discepoli erano colpiti tutti i giorni, non era quello delle gambe raddrizzate, della pelle mondata, della vista riacquistata. Il miracolo più grande era uno sguardo rivelatore dell’umano cui non ci si poteva sottrarre. Non c’è nulla che convinca l’uomo come uno sguardo che afferri e riconosca ciò che esso è, che scopra l’uomo a se stesso. Gesù vedeva dentro l’uomo, nessuno poteva nascondersi davanti a lui, di fronte a lui la profondità della coscienza non aveva segreti.
(Luigi Giussani)

Un tentativo estenuante di afferrare l’oltre, l’irraggiungibile, l’infinito.

Un tentativo estenuante di afferrare l’oltre, l’irraggiungibile, l’infinito.

Lovers_and_Butt_Crack_by_jonnygoodboy

Il sesso e il mistero profondo. Il piacere della carne e ciò che sta nel suo fondo, il
trascendente, l’estasi dello spirito. La continua ricerca della soddisfazione del corpo, e anche della ostentazione del corpo e del sesso nella pornografia, come tentativo estenuante di afferrare l’oltre, l’irraggiungibile, l’infinito. In sostanza, di toccare l’eternità.

Paolo Rodari, Il Foglio 15 dicembre 2012.

All’ascolto del mistero profondo.

All’ascolto del mistero profondo.

Atplf6vCMAA51gH.jpg_large

Ma anche una certezza.
Una certezza che (..) non lo aveva mai abbandonato. Che il corpo martoriato
dal piacere non può essere mai il Fine, ma semmai lo strumento di una ricerca
estenuante. La molla per tendersi e flettersi, per inarcarsi, potremmo qui dire,
all’ascolto del mistero profondo.

Andrea Minuz

Come due innamorati senza niente da fare che non hanno nient’altro che “una storia d’amore”.

Come due innamorati senza niente da fare che non hanno nient’altro che “una storia d’amore”.

23-street-photography

(…) io ti curerò
perchè tu c’hai bisogno di ridere di gusto
e ti ringrazierò
quando usciremo presto
da un locale “giusto”
guarderò da giù
il grattacielo dei tuoi tacchi mozzafiato
(…)
e faremo l’amore
dentro ad un temporale
tra le luci del centro
tra le statue di sale
con il cuore impazzito
come due innamorati
come due innamorati
senza niente da fare
che non hanno nient’altro
che “una storia d’amore”

Lorenzo Cherubini

Testo

 

Io e te, che attraversiamo il fuoco con un ghiacciolo in mano.

Io e te, che attraversiamo il fuoco con un ghiacciolo in mano.

Lovers_at_the_Louvre_il_fullxfull.379373238_9ge2

(…) io e te, io e te…
che andiamo alla deriva,
io e te, io e te…
nella corrente….io e te!
Che attraversiamo il fuoco
con un ghiacciolo in mano,
che siamo due puntini
ma visti da lontano,
che ci aspettiamo il meglio
come ogni primavera,
io e te, io e te, io e te!

Lorenzo Cherubini

Testo

O un po’ colpevoli per voglie che ardono: noi cerchiamo la bellezza ovunque.

O un po’ colpevoli per voglie che ardono: noi cerchiamo la bellezza ovunque.

17-street-photography

Noi sereni e semplici o cupi ed acidi,
noi puri e candidi o un po’ colpevoli
per voglie che ardono:

noi cerchiamo la bellezza ovunque.

E noi compresi e amabili o offesi e succubi
di demoni e lupi, noi forti ed abili
o spenti all’angolo:

Noi cerchiamo la bellezza ovunque.
E passiamo spesso il tempo così,
senza utilità (quella che piace a voi)
senza utilità (perché non serve a noi)

Marlene Kuntz