La sua anima traboccante estasi anelava alla libertà, allo spazio, all’infinito.

La sua anima traboccante estasi anelava alla libertà, allo spazio, all’infinito.

Jean Frederic Bazille

Non si soffermò nemmeno sul terrazzino d’ingresso, ma scese rapidamente. La sua anima traboccante estasi anelava alla libertà, allo spazio, all’infinito. La volta celeste, punteggiata di placide stelle splendenti, si stendeva ampia e sconfinata sopra di lui. La Via Lattea si allungava in due pallide striature dallo zenit all’orizzonte. La notte fresca e tranquillo fino all’immobilità avvolgeva la terra. Le bianche torri e le cupole dorate della cattedrale rilucevano sullo sfondo di un cielo zaffiro. I lussureggianti fiori autunnali delle aiuole intorno alla casa si erano assopiti in attesa del giorno. Il silenzio della terra sembrava fondersi con quello del cielo, il segreto della terra era un tutt’uno con quello delle stelle… Alëša stava in piedi, osservava, e a un tratto si gettò di colpo per terra. Non sapeva perché stesse abbracciando la terra, non si spiegava perché desiderasse così irrefrenabilmente baciarla, eppure la baciava, piangendo, singhiozzando, la irrorava con le sue lacrime e giurava appassionatamente di amarla, nei secoli dei secoli.

Fëdor Dostoevskij, I Fratelli Karamazov

Se finisse adesso lo so io chiederei che mi crollasse addosso (La costruzione di un amore).

Se finisse adesso lo so io chiederei che mi crollasse addosso (La costruzione di un amore).

Copyright Thomas Leuthard, dalla rete.

La costruzione di un amore
spezza le vene delle mani
mescola il sangue col sudore
se te ne rimane

La costruzione di un amore
non ripaga del dolore
è come un’altare di sabbia
in riva al mare

La costruzione del mio amore
mi piace guardarla salire
come un grattacielo di cento piani
o come un girasole

Ed io ci metto l’esperienza
come su un albero di Natale
come un regalo ad una sposa
un qualcosa che sta lí
e che non fa male

E ad ogni piano c’è un sorriso
per ogni inverno da passare
ad ogni piano un Paradiso
da consumare

Dietro una porta un po’ d’amore
per quando non ci sarà tempo di fare l’amore
per quando vorrai buttare via
la mia sola fotografia

E intanto guardo questo amore
che si fa piú vicino al cielo
come se dopo tanto amore
bastasse ancora il cielo

E sono qui
e mi meraviglia
tanto da mordermi le braccia,
ma no, son proprio io
lo specchio ha la mia faccia

Sono io che guardo questo amore
che si fa più vicino al cielo
come se dopo l’orizzonte
ci fosse ancora cielo

E tutto ció mi meraviglia
tanto che se finisse adesso
lo so io chiederei
che mi crollasse addosso

E la fortuna di un amore
come lo so che può cambiare
dopo si dice l’ho fatto per fare
ma era per non morire

Si dice che bello tornare alla vita
che mi era sembrata finita
che bello tornare a vedere
e quel che è peggio è che è tutto vero
perché

La costruzione di un amore
spezza le vene delle mani
mescola il sangue col sudore
se te ne rimane

La costruzione di un amore
non ripaga del dolore
è come un’altare di sabbia
in riva al mare

E intanto guardo questo amore
che si fa piú vicino al cielo
come se dopo tanto amore
bastasse ancora il cielo

E sono qui
e mi meraviglia
tanto da mordermi le braccia,
ma no, son proprio io
lo specchio ha la mia faccia

Sono io che guardo questo amore
che si fa grande come il cielo
come se dopo l’orizzonte
ci fosse ancora cielo

E tutto ció mi meraviglia
tanto che se finisse adesso
lo so io chiederei
che mi crollasse addosso

Ivano Fossati

Ma nun me lassà (Torna a Surriento).

Ma nun me lassà (Torna a Surriento).

Copyright Thomas Leuthard, dalla rete.

Vide ‘o mare quant’è bello,
Spira tantu sentimento,
Comme tu a chi tiene mente,
Ca scetato ‘o faie sunnà.

Guarda, gua’, chistu ciardino;
Siente, sie’ sti sciure arance:
Nu profumo accussi fino
Dinto ‘o core se ne va…

E tu dice: “I’ parto, addio!”
T’alluntane da stu core…
Da sta terra de l’ammore…
Tiene ‘o core ‘e nun turnà?

Ma nun me lassà,
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
famme campà!

Vide ‘o mare de Surriento,
che tesoro tene nfunno:
chi ha girato tutto ‘o munno
nun l’ha visto comm’a ccà.

Guarda attuorno sti Sserene,
ca te guardano ‘ncantate,
e te vonno tantu bene…
Te vulessero vasà.

E tu dice: “I’ parto, addio!”
T’alluntane da stu core
Da sta terra de l’ammore
Tiene ‘o core ‘e nun turnà?

Ma nun me lassà,
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!

Torna a Surriento,
Famme campà!

E. e G.B.De Curtis

La natura dell’uomo è rapporto con l’Infinito (#Meeting 2012).

La natura dell’uomo è rapporto con l’Infinito (#Meeting 2012).

Infatti, a mio avviso, solo due tipi di uomini salvano interamente la statura dell’es-sere umano: l’anarchico e l’autenticamente religioso. La natura dell’uomo è rapporto con l’infinito: l’anarchico è l’affermazione di sé all’infinito e l’uomo autenticamente religioso è l’accettazione dell’infinito come significato di sé.

Luigi Giussani, Il senso religioso, BUR

Come uno sguardo su di me (Resta lì).

Come uno sguardo su di me (Resta lì).

Resta lì
come uno sguardo su di me…
basterà questo
e non sarò
più
sola…
Resta lì
come un sospiro dentro me,
con così poco non sarò
più sola…
più sola…
più sola…
Resta lì
come fanno le abitudini,
quelle che non perdi mai…
quelle che a
volerle comprensibili
te le spieghi con un sempre
e con un mai…
Mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
noi non finiremo
mai…
Mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
non potrà finire
mai…
Io da qui
guardo la luna e vedo te..
Se la raggiungo
non sarò
più
sola…
più sola…
più sola…
Non sarà
un’impresa così facile
ma non si può dire mai…
Troverò
un
pensiero percorribile
disegnato tra le nuvole
e vedrai…
Mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
noi non finiremo
mai…
Mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
noi non finiremo
mai…
Mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
giuro mai,
noi non finiremo
mai…

Mina

Sarebbe un modo divino di morire (There Is A Light That Never Goes Out).

Sarebbe un modo divino di morire (There Is A Light That Never Goes Out).

Copyright Thomas Leuthard, dalla rete.

Take me out tonight
Where there’s music and there’s people
And they’re young and alive
Driving in your car
I never, never want to go home
Because I haven’t got one
Anymore

Take me out tonight
Because I want to see people
And I want to see life
Driving in your car
Oh, please don’t drop me home
Because it’s not my home, it’s their home
And I’m welcome no more

And if a double-decker bus
Crashes into us
To die by your side
Is such a heavenly way to die
And if a ten-ton truck
Kills the both of us
To die by your side
Well, the pleasure, the privilege is mine

Take me out tonight
Take me anywhere
I don’t care, I don’t care, I don’t care
And in the darkened underpass
I thought, Oh, God, my chance has come at last
But then a strange fear gripped me
And I just couldn’t ask

Take me out tonight
Oh, take me anywhere
I don’t care, I don’t care, I don’t care
Driving in your car
I never, never want to go home
Because I haven’t got one
Oh, I haven’t got one

And if a double-decker bus
Crashes into us
To die by your side
Is such a heavenly way to die
And if a ten-ton truck
Kills the both of us
To die by your side
Well, the pleasure, the privilege is mine

There is a light and it never goes out
There is a light and it never goes out
There is a light and it never goes out
There is a light and it never goes out

The Smiths

Traduzione

C’è Una Luce Che Non Si Spegne Mai

Portami fuori stasera
dove c’è musica e c’è gente
che è giovane e viva
guidando nella tua macchina
non voglio mai più tornare a casa
perché non ne ho una
non più

Portami fuori stasera
perché voglio vedere gente
e voglio vedere la vita
guidando nella tua macchina
Oh per favore non darmi un passaggio per casa
perché non è la mia casa, è la loro
e non sono più benvenuto

E se un bus a due piani
si schiantasse contro di noi
morire al tuo fianco
sarebbe un modo divino di morire
e se un camion da dieci tonnellate
ci uccidesse entrambi
morire al tuo fianco
bene, il piacere, il privilegio è tutto mio

Portami fuori stasera
portami ovunque
non m’importa, non m’importa, non m’importa
e nel sottopassaggio ingiallito
ho pensato, “oh, Dio, la mia occasione alla fine è giunta”
ma poi una strana paura mi ha afferrato
e non potevo proprio pretendere

Portami fuori stasera
oh, portami ovunque
non m’importa, non m’importa, non m’importa
guidando nella tua macchina
io non voglio mai più tornare a casa
perché non ne ho una
oh, non ne possiedo una

E se un bus a due piani
si schiantasse contro di noi
morire al tuo fianco
sarebbe un modo divino di morire
e se un camion da dieci tonnellate
ci uccidesse entrambi
morire al tuo fianco
bene, il piacere, il privilegio è tutto mio

C’è una luce che non si spegne mai
c’è una luce che non si spegne mai
c’è una luce che non si spegne mai
c’è una luce che non si spegne mai

Io amerò soltanto un uomo capace di cose straordinarie.

Io amerò soltanto un uomo capace di cose straordinarie.

“Qualcosa di pericoloso…” ripetè.

Non la guardava, fissava il fuoco. Erano solo a una decina di centimetri l’uno dall’altra. E c’erano come delle correnti, delle onde, che attraversavano quei dieci centimetri e che li univano. Ma che genere di correnti?

Faceva caldo, troppo caldo, specie dopo il freddo del campo di ghiaccio. Jef aveva messo altre due patate sotto la cenere e, meccanicamente, si disponeva a scuoiare lo scoiattolo.

“Io” riprese Edmée, tesa come una corda, “amerò soltanto un uomo capace di cose straordinarie, un uomo che non abbia paura di niente. Non uno che ha paura di una ragazza come la figlia del panettiere! (..) Vorrei un uomo capace di uccidere, ma uccidere veramente, a costo di rischiare la vita…”.

Georges Simenon, La casa sul canale, Adelphi

Da vicino brucia come il sole (Per amarti).

Da vicino brucia come il sole (Per amarti).

Per amarti che ti lascio andare
posso solamente contemplare
una farfalla libera volare
ha i colori della primavera.
Per amarti che ti lascio andare
non ti posso qui più trattenere
dentro queste stanze, in quattro mura
che più del mare ci fanno paura.

Muoiono gli angeli se si fermano troppo a lungo
più non volano.

Per amarti che ti lascio andare
posso solamente soffocare
la tua bellezza passa e scalda il cuore
da vicino brucia come il sole.

Muoiono gli angeli se si fermano troppo a lungo
più non volano.

Bobo Rondelli

Che gli occhi non vedono parole non spiegano (Mia dolce anima).

Che gli occhi non vedono parole non spiegano (Mia dolce anima).

Chissà dove sei mia dolce anima
forse sulla luna a bere un caffè
e non mi fa male che
più non ci sei
Tengo il tuo amore qui dentro di me

Grande mistero il cielo è
come l’amore che ho per te
che gli occhi non vedono
parole non spiegano
mia dolce anima
dentro di me

Che gli occhi non vedono
parole non spiegano
mia dolce anima
dentro di me.

Bobo Rondelli

Perché, ogni volta, quella che vivo è un’esperienza umana.

Perché, ogni volta, quella che vivo è un’esperienza umana.

“C’è una cosa” aveva detto Pardon “che non riesco a capire. Lei è l’esatto contrario di un giustiziere. Si direbbe perfino che quando arresta un colpevole lo faccia a malincuore”.

“Sì, a volte succede”.

“Eppure si prende a cuore le sue inchieste come se la toccassero personalmente…”.

Al che Maigret, con molta semplicità, aveva risposto:

“Perché, ogni volta, quella che vivo è un’esperienza umana. Quando la chiamano al capezzale di un malato che pure non conosce affatto, non ne fa anche lei una faccenda personale? Non lotta contro la morte come se il paziente fosse una persona cara?”.

Georges Simenon, Maigret e il signor Charles, Adelphi