Sembrava che di notte le sedie cavalcassero i tavoli.

Sembrava che di notte le sedie cavalcassero i tavoli.

 

Così terminò il suo discorso – e tutti risero. Perché pensavano che fosse alticcio, e infatti lo era. E inoltre sottrarsi alla verità è tipico degli uomini d’oggi i quali, anch’essi ebbri, dal fatto che tale verità sia stata detta da un ubriaco traggono la speranza che quello stia solo farneticando. I due poliziotti, ben compressi nelle loro uniformi, se ne andarono. L’orologio del Senato batté le due. E la padrona disse:”Ora tutti a dormire”. E incominciò a capovolgere i tavoli e le sedie. Sembrava che di notte le sedie cavalcassero i tavoli.

Joseph Roth, Al bistrot dopo mezzanotte, Adelphi

Annunci

Un pensiero su “Sembrava che di notte le sedie cavalcassero i tavoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.