Cristo troneggia facendo diventare vero tutto!

Cristo troneggia facendo diventare vero tutto!

El Greco, Cristo Salvatore

L’amore dell’uomo alla donna non si divide in matrimonio e verginità (matrimonio: adempimento; verginità: negazione); non c’è assolutamente amore dell’uomo e della donna sposati se non è verginità, e non è verginità se non è amore alla realtà vivente.

Soltanto che, perché questo sia – nel primo caso e nel secondo caso è identico – bisogna che sia crocefisso.

Crocefiggere l’oggetto d’un proprio desiderio in sé giusto è come esser lì lì per afferrarlo senza poterlo afferrare.

Insomma, non c’è niente di più anticristiano che concepire «Cristo tutto in tutti» come l’eliminazione di tutto perché troneggi Cristo. Cristo troneggia facendo diventar vero tutto! Perché il Verbo incarnato è la verità. E Cristo troneggia facendo diventar vero, se Lo si segue sulla croce.

Ami una cosa, ti vien voglia di… tutto l’impeto ti scaraventa ad afferrarla: se l’afferri, la perdi; se l’afferri, la rimpicciolisci, la schiacci. Se, invece, puoi afferrarla e non l’afferri, diventa grande, grande, grande, tanto che ti inginocchi.

Ti inginocchi perché pre-vedi: lascia intravedere ciò di cui è fatta.

(L. Giussani, L’autocoscienza del cosmo, 27-28)