Non farmi aspettare. Sto bruciando.

Non farmi aspettare. Sto bruciando.

“Ti prego. Ti prego. Ti prego. Ti prego. Non farmi aspettare. Sto bruciando”.

“Va bene. Torna di là. Aspetta che ti dia il segnale. Torni di là, d’accordo?”

“Non ce la faccio ad aspettare. Devi… Sono tutta un fuoco, ti dico”.

Gli si aggrappò. Insieme attraversarono la stanza, incespicando, con lui che si teneva libero il fianco destro; lei in un deliquio voluttuoso, ignara dei loro movimenti, tesa contro di lui come se cercasse di toccarlo con tutta la superficie del corpo allo stesso tempo.

W.Faulkner, Santuario, Adelphi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.