Mi mandò la piacente ch’i’ andasse Nel su’ giardin e ch’io il fior bascias[s]e (Il Fiore XIX).

Mi mandò la piacente ch’i’ andasse Nel su’ giardin e ch’io il fior bascias[s]e (Il Fiore XIX).

Per BelSembiante e per DolzeRiguardo
Mi mandò la piacente ch’i’ andasse
Nel su’ giardin e ch’io il fior bascias[s]e,
Né non portasse già lancia né dardo:
Ché lo Schifo era fatto sì codardo
Ch’e’ [no]·mi bisognava ch’i’ ‘l dottasse;
Ma tuttor non volea ched i’ v’entrasse,
Sed e’ non fosse notte ben a tardo.
«Perciò che Castità e Gelosia
Sì ànno messo Paura e Vergogna
In le’ guardar, che non faccia follia;
Ed un villan che truov’ogne menzogna
La guarda, il qual fu nato i·Normandia,
MalaBoc[c]a, que’ c[h]’ogne mal sampogna».

Dante Alighieri (?), Il Fiore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.