Molt’è crudel chi per noi non vuol fare! (Il Fiore XIV).

Molt’è crudel chi per noi non vuol fare! (Il Fiore XIV).

Pietà cominciò poi su’ parlamento,
Con lagrime bagnando il su’ visag[g]io,
Dicendo: «Schifo, tu faresti oltrag[g]io
Di non far grazia al meo domandamento.
Pregar ti fo che·tti si’a piacimento
Ch’a quel valletto, ch’è·ssì buon e saggio,
Tu non sie verso lui così salvaggio,
Ché sai ch’e’ non à mal intendimento.
Or avén detto tutto nostr’affare
E la cagion per che no’ siàn venute:
Molt’è crudel chi per noi non vuol fare!
Ancor ti manda molte di salute
Il lasso cu’ ti pia[c]que abandonare:
Fa che nostre preghiere i sian valute!».

Dante Alighieri, Il Fiore