Essere scelti significa appartenere.

Caravaggio, Vocazione di San Matteo

Essere scelti significa appartenere. Il che vuol dire che non è che tu ci sei e fra 34 sei scelto, ma «essere scelto» vuol dire «essere fatto»: sei fatto di questa scelta, perciò appartieni. Essere scelto vuol dire appartenere. Così la vera preferenza non significa che ci sono 50 persone e tu scegli una persona che preferisci alle altre. La preferenza è qualcosa di originale come l’essere: preferisci qualcosa che è fatto per te «più di». Questo lo si vede per esempio nell’arte: perché preferisci questo quadro? Perché quel quadro è fatto di… meglio, tu sei fatta dell’armonia, della bellezza, della fattura di quel quadro. Non è che tu lo scegli il quadro: è fatto di te quel quadro e tu sei fatta della bellezza di quel quadro! Paradossalmente, quindi, non si può scegliere: è soltanto Dio che può veramente scegliere, perché crea ciò che sceglie, dà l’essere a ciò che sceglie. La preferenza nell’uomo invece è proprio ex natura rei: è una vicinanza naturale, come se fossi fatto della stessa carne e dello stesso legno.

Luigi Giussani, “Tu” o dell’amicizia, BUR 1997

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.