Da soli si ha paura del sacrificio.

È bellissimo. Pensate a quando avevo quindici anni e la gente, i giovani cantavano questa canzone. Ed erano parole vere, perché Giarabub è uno dei più grandi fatti eroici dell’ultima guerra. (Giarabub, oasi della Libia nordorientale, durante la seconda guerra mondiale fu attaccata più volte dagli Alleati. Le truppe britanniche la conquistarono nel marzo del 1941, provocando la morte di tutti i soldati del presidio italiano che l’avevano difesa strenuamente dal dicembre del 1940).
(..)
Però è vera: sono morti tutti, dal primo all’ultimo. E noi dobbiamo avere paura di vivere un sacrificio?
Ma da soli si ha paura del sacrificio. Solo mettendosi insieme la paura del sacrificio diventa potenza per superarlo, per realizzarlo, per vincerlo: «Non è vero che uno più uno fa due: fa duemila volte uno». Bello, non c’è niente che mi richiami in modo più triste la mia giovinezza di questo canto. E pensare che quella gente lì ha dato la vita per una cosa che è morta, perché era per sua natura una forma effimera, per una modalità di vita che è morta. E noi facciamo così fatica, dobbiamo essere così pregati, così forzati quasi, per offrire in sacrificio la vita per ciò che è la vita di tutti, anche se non lo sanno?

Luigi Giussani, Affezione e dimora, pag.50

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.