E se domani.

Rimini, 13 aprile 2010 –

E’ morto ieri, a Milano, Carlo Alberto Rossi, uno dei più importanti autori di musica italiana. A renderlo noto il presidente della Siae, Giorgio Assumma.

Rossi era nato a Rimini il 30 agosto del 1921. Si è spento a quasi 90 anni.

Lo ricordiamo per essere stato l’autore del testo di ‘E se domani’ o ‘Le mille bolle blu’ di Mina, peraltro entrambe scartate a Sanremo.

Qui nessuno ritorna indietro.

La sagra di Giarabub

Inchiodata sul palmeto regna immobile la luna
a cavallo della duna sta l’antico minareto,
squilli, macchine e bandiere,
son di sangue e di tribù,
che succede cammelliere?
E’ la sagra di Giarabub!

“Colonnello, non voglio pane:
dammi piombo pel mio moschetto:
c’è la terra del mio sacchetto
che per oggi mi basterà.
Colonnello, non voglio l’acqua:
dammi il fuoco distruggitore:
con il sangue di questo cuore
la mia sete si spegnerà.
Colonnello, non voglio il cambio:
qui nessuno ritorna indietro:
non si cede neppure un metro
se la morte non passerà!”

Spunta già l’erba novella dove il sangue scese a rivi…
Quei fantasmi in sentinella sono morti o sono vivi?
E chi parla a noi vicino? Cammelliere non sei tu?
-In ginocchio pellegrino: son le voci di Giarabub!

“Colonnello, non voglio pane:
dammi piombo pel mio moschetto:
c’è la terra del mio sacchetto
che per oggi mi basterà.
Colonnello, non voglio l’acqua:
dammi il fuoco distruggitore:
con il sangue di questo cuore
la mia sete si spegnerà.
Colonnello, non voglio encomi:
sono morto per la mia terra…
Ma la fine dell’Inghilterra
incomincia da Giarabub!”