Sapete ciò che vi ho fatto?

Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?» .

Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci, ma lo capirai dopo» .

Gli disse Simon Pietro: «Non mi laverai mai i piedi!» . Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me» .

Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i piedi, ma anche le mani e il capo!» .

Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto mondo; e voi siete mondi, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete mondi» .

Quando dunque ebbe lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Sapete ciò che vi ho fatto? Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri.

Vi ho dato infatti l’esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi.

(dalla liturgia del Giovedì Santo, Vangelo secondo Giovanni).

Dio si è commosso per il nostro niente. Ha avuto pietà per me.

Ci sarebbe da discutere a lungo, sulle vicende che hanno portato Benedetto XVI a scrivere la sua Lettera ai cattolici d’Irlanda. E si potrebbe farlo partendo dai fatti, da numeri e dati che – letti bene – dicono di una realtà molto meno imponente di quanto possa sembrare dalla campagna feroce dei media. Oppure dalle contraddizioni di chi, sugli stessi giornali, accusa – a ragione – certe nefandezze, ma poche pagine più in là giustifica tutto e tutti, specie in materia di sesso. Si potrebbe, e forse aiuterebbe a capire meglio il contesto di una Chiesa davvero sotto attacco, ben al di là dei suoi errori. Solo che il gesto umile e coraggioso del Papa ha spostato tutto più in là. Verso il cuore della questione. Chiaro, la ferita c’è. Ed è gravissima. Di quella specie che ha fatto dire parole di fuoco a Cristo («Chi scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina e fosse gettato negli abissi…») e ai suoi vicari. C’è la sporcizia, nella Chiesa. Lo disse chiaro e forte lo stesso Joseph Ratzinger nella Via Crucis di cinque anni fa, poco prima di diventare Papa, e non ha smesso mai di ricordarlo dopo, con realismo. C’è il peccato, anche grave. C’è il male e l’abisso di dolore che il male si porta dietro. E c’è l’esigenza di fare tutto il possibile – pure con durezza – per arginare quel male e riparare a quel dolore. Il Papa lo sta già facendo, e la sua Lettera lo ribadisce con forza, quando chiede ai colpevoli di risponderne «davanti a Dio onnipotente, come pure davanti a tribunali».
Ma proprio per questi motivi il vero cuore della questione, il focus dimenticato, sta altrove.
Accanto a tutti i limiti e dentro l’umanità ferita della Chiesa c’è o no qualcosa di più grande del peccato? Di radicalmente più grande del peccato? C’è qualcosa che può spaccare la misura inesorabile del nostro male? Qualcosa che, come scrive il Pontefice, «ha il potere di perdonare persino il più grave dei peccati e di trarre il bene anche dal più terribile dei mali»?
«Ecco dunque il punto: Dio si è commosso per il nostro niente», ricordava don Giussani in una frase usata da Cl per il Volantone di Pasqua: «Non solo: Dio si è commosso per il nostro tradimento, per la nostra povertà rozza, dimentica e traditrice, per la nostra meschinità. È una compassione, una pietà, una passione. Ha avuto pietà per me».

Dall’editoriale di Tracce di Aprile, anticipazione.

Tracce_Editoriale_aprile

Damned for all time (blood money).

Carl Anderson, Judas

JUDAS

Now if I help you, it matters that you see
These sordid kinda things are coming hard to me.
It’s taken me some time to work out what to do.
I weighed the whole thing out before I came to you.
I have no thought at all about my own reward.
I really didn’t come here of my own accord.
Just don’t say I’m … damned for all time.
I came because I had to; I’m the one who saw.
Jesus can’t control it like he did before.
And furthermore I know that Jesus thinks so too.
Jesus wouldn’t mind that I was here with you.
I have no thought at all about my own reward.
I really didn’t come here of my own accord.
Just don’t say I’m … damned for all time.
Annas, you’re a friend, a worldly man and wise.
Caiaphas, my friend, I know you sympathise.
Why are we the prophets? Why are we the ones
Who see the sad solution – know what must be done?
I have no thought at all about my own reward.
I really didn’t come here of my own accord.
Just don’t say I’m damned for all time.

ANNAS

Cut the protesting, forget the excuses.
We want information. Get up of the floor.

CAIAPHAS

We have the papers we need to arrest him.
You know his movements. We know the law.

ANNAS

Your help in this matter won’t go unrewarded.

CAIAPHAS

We’ll pay you in silver, cash on the nail.
We just need to know where the soldiers can find him.

ANNAS

With no crowd around him.

CAIAPHAS

Then we can’t fail.

JUDAS

I don’t want your blood money!

CAIAPHAS

Oh, that doesn’t matter, our expenses are good.

JUDAS

I don’t need your blood money!

ANNAS

But you might as well take it. We think that you should.

CAIAPHAS

Think of the things you could do with that money,
Choose any charity – give to the poor.
We’ve noted your motives.
We’ve noted your feelings.
This isn’t blood money – it’s a …

ANNAS

A fee.

CAIAPHAS

A fee nothing more.

JUDAS

On Thursday night you’ll find him where you want him.
Far from the crowds, in the Garden of Gethsemane.

CHOIR

Well done Judas. Good old Judas.

This Jesus must die

PRIEST ONE

Good Caiaphas, the council waits for you.
The Pharisees and priests are here for you.

CAIAPHAS

Ah gentlemen, you know why we are here.
We’ve not much time, and quite a problem here

MOB (outside)

Hosanna! Superstar!
Hosanna! Superstar!
Hosanna! Superstar!
Hosanna! Superstar!

ANNAS

Listen to that howling mob of blockheads in the street!
A trick or two with lepers, and the whole town’s on its feet.

ALL (inside)

He is dangerous!

MOB (outside)

Jesus Christ Superstar!

ALL (inside)

He is dangerous!

MOB (outside)

Tell us that you’re who they say you are.

PRIEST TWO

The man is in town right now to whip up some support.

PRIEST THREE

A rabble rousing mission that I think we must abort.

ALL (inside)

He is dangerous!

MOB (outside)

Jesus Christ Superstar!

ALL (inside)

He is dangerous!

PRIEST TWO

Look Caiaphas, they’re right outside our yard.

PRIEST THREE

Quick Caiaphas, go call the Roman guard.

CAIAPHAS

No, wait!
We need a more permanent solution to our problem.

ANNAS

What then to do about Jesus of Nazareth?
Miracle wonderman, hero of fools.

PRIEST THREE

No riots, no army, no fighting, no slogans.

CAIAPHAS

One thing I’ll say for him — Jesus is cool.

ANNAS

We dare not leave him to his own devices.
His half-witted fans will get out of control.

PRIESTS

But how can we stop him?
His glamour increases
By leaps every moment; he’s top of the poll.

CAIAPHAS

I see bad things arising.
The crowd crown him king; which the Romans would ban.
I see blood and destruction,
Our elimination because of one man.
Blood and destruction because of one man.

ALL (inside)

Because, because, because of one man.

CAIAPHAS

Our elimination because of one man.

ALL (inside)

Because, because, because of one, ‘cause of one, ‘cause of one man.

PRIEST THREE

What then to do about this Jesus-mania?

ANNAS

Now how to we deal with a carpenter king?

PRIESTS

Where do we start with a man who is bigger
Than John was when John did his baptism thing?

CAIAPHAS

Fools, you have no perception!
The stake we are gambling are frighteningly high!
We must crush him completely,
So like John before him, this Jesus must die.
For the sake of the nation, this Jesus must die.

ALL (inside)

Must die, must die, this Jesus must die.

CAIAPHAS

So like John before him, this Jesus must die.

ALL (inside)

Must die, must die, this Jesus must, Jesus must, Jesus must die!