In fulgida gloria

Più di un mattino in fulgida gloria ho guardato
Lusingare le vette con occhio sovrano,
Baciare con il viso d’oro il verde prato,
Di celeste alchimia indorare il rivo albano;
Poi lasciar le nubi più vili cavalcare
Con fosco vapore il suo celestiale viso,
E al derelitto mondo il suo volto celare,
Scivolando non visto a occidente ed inviso;
Così il mio sole un mattino presto brillò,
Tutto splendore trionfante sulla mia fronte,
Ma fuori ahimé soltanto un’ora mi donò,
Nube quassù l’ha mascherato al mio orizzonte.
Né lui, sole del mondo, il mio amore trascura;
Può qui oscurarsi, se il sole in cielo si oscura.

W.Shakespeare Sonnets trad.Giuliana Lucchini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.