Grazie alla vita

Grazie alla vita

Grazie alla vita, che mi ha dato tanto:
m’ha dato due stelle che, quando le apro,
io vedo e distinguo il nero dal bianco
e nell’alto cielo il fondo stellato
e in mezzo la folla l’uomo che io amo.

Grazie alla vita, che m’ha dato tanto:
m’ha dato il suono e l’abecedario,
come le parole che penso e proclamo:
figlio, madre, amico e cammino chiaro,
e la dolce voce di colui che amo.

Grazie alla vita, che m’ha dato tanto:
m’ha dato la marcia dei miei piedi stanchi;
con essi ho varcato pozzanghere e spiagge,
città e deserti, montagne e pianure
e la strada tua, la casa, il cortile.

Grazie alla vita che m’ha dato tanto:
m’ha dato il cuore che vuole fuggire
quando guardo il frutto della mente umana,
quando guardo il bene lontano dal male,
quando vedo dentro il tuo sguardo chiaro.

Grazie alla vita che m’ha dato tanto:
m’ha dato il riso e m’ha dato il pianto;
così io distinguo la pena e la gioia,
i due elementi che fanno il mio canto,
e il canto di tutti, il mio stesso canto.

Violeta Parra

Annunci

Amici, cioè testimoni.

“Ho capito che quel che mi accadeva era ciò di cui avevo bisogno per risvegliarmi. Le cose avvengono e ti dolgono per capire la Sua presenza, e questa è la cosa più grande che può succedere nella tua vita. Non cambierei la mia vita per nulla, nonostante tutto il dolore che ho provato e che è esistito, perché Cristo si è fatto presente negli amici che ha posto sulla mia strada, in uno sguardo diverso”.

Amparito Espinoza, Meeting 2009