Perchè ogni uomo, senza battaglie, non può sentirsi un uomo, un uomo, un uomo, un uomo, un uomo.

Tripoli 69

In casa io e lui
io non mi accorgo che
che fuori è inverno ormai
la stanza è tanto calda
non penso mai
che oltre la finestra
per lui
in quella nebbia
c’è un’altra estate
che porta un caldo
un caldo un caldo un caldo
un caldo un caldo
lo vedo ma non c’è
è andato via da me
sta raggiungendo
Tripoli.
Ma Tripoli cos’è
è il primo nome che
mi viene in mente se
lo immagino lontano
dove non so
in cerca di battaglie
perchè
perchè ogni uomo
senza battaglie
non può sentirsi
un uomo un uomo
un uomo un uomo
un uomo
e quando un uomo va
a vivere di più
le donne
han solo lacrime.
Ma se ritornerà
ferito lui lo sa
che qui mi troverà
e io son già felice
se penso che
in questa storia
anch’io ci sarò
ma fuori è inverno
la nebbia è nebbia
in questa stanza
ritorna un caldo
un caldo un caldo
un caldo
in casa io e lui
e non si è accorto che
ho pianto tanto
Tripoli.

Patty Pravo, 1969

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.